Giordania

A ormai otto anni dallo scoppio della guerra civile in Siria, la crisi siriana rappresenta la più grave crisi umanitaria dalla seconda guerra mondiale, con 13,1 milioni di persone che necessitano di assistenza umanitaria in Siria e 5,5 milioni di rifugiati siriani (OCHA,Syria Humanitarian Needs Overview, Novembre 2017), principalmente ospitati in Turchia, Libano, Giordania, Iraq e Egitto. In base ai dati UNHCR, 5.582,018 rifugiati siriani sono registrati nella regione, di cui 2 milioni in Egitto, Iraq, Giordania e Libano (ultimo aggiornamento dati 15 febbraio 2018 UNHCR). Il numero di siriani presenti in questi paesi è tuttavia superiore ai dati ufficiali UNHCR, perchè molti non sono registrati.

La Giordania è il terzo paese della regione per numero di rifugiati siriani ospitati, con una conseguente notevole pressione su un paese la cui situazione socio-economica era già precaria. L’ultimo censimento (dicembre 2015) dimostra che in un decennio la popolazione giordana è quasi raddoppiata, passando dai 5,1 milioni nel 2004 ai 9,5 milioni nel 2015. Di questi, secondo i dati UNICEF, 6.613,587 sono cittadini giordani mentre il 30% del totale è rappresentato da non-giordani. La comunità che presenta la più elevata presenza è quella siriana con 1,3 milioni di persone.

La maggioranza dei rifugiati si trova nella parte Nord del Paese, con una particolare concentrazione nel Governatorato di Mafraq, Irbid, Amman e Zarqa.

I primi “richiedenti” sono giunti all’inizio del 2012, trovando una calda accoglienza. Il problema è che in breve un rivolo si è trasformato in torrente, quindi in un fiume in piena.

Un numero cospicuo di siriani tende a scappare dai campi profughi per rifugiarsi nelle zone urbane in cerca di lavoro e condizioni migliori e una forte pressione si riscontra nelle aree del governatorato di Amman(186,438), e Mafraq (158,103). Una volta usciti dai campi formali i siriani privi di risorse economiche si installano in tende nei campi informali (ITS)l localizzati in aree marginalizzate e lontane da servizi di ogni genere.

Progetti

Progetto della Giordania

Hover Box Element

Garantire un sistema integrato di protezione a donne e minori rifugiati e giordani a rischio di violenza di genere, matrimoni precoci, lavoro minorile e abbandono scolastico ad Amman e Mafraq, con luoghi protetti, azioni su campo e servizi medici e legali

News

Ora che il nuovo Presidente della Repubblica è stato eletto, i deputati italiani dovranno riprendere in esame la questione, e nelle prossime settimane, dopo i Parlamenti di ormai buona parte dell’UE, anche l’Italia dovrà scegliere se mantenere lo status quo o intraprendere quel percorso di......

Il 29 novembre di ogni anno l’ONU celebra la Giornata Mondiale di Solidarietà con il Popolo Palestinese, in virtù del mandato conferito dall’Assemblea Generale il 2 dicembre 1977. La Giornata Mondiale di Solidarietà ha tradizionalmente rappresentato un’opportunità per la comunità internazionale di portare la propria......

Durante le giornate di sabato e domenica scorse la nostra Fatima, direttrice del centro per l’infanzia “La Terra dei Bambini” nella Striscia di Gaza, con l’aiuto di alcune volontarie di Zeina Women’s Center e di 5 infermiere della clinica Um Al Nasser Health Center, ha......

Proseguono a pieno ritmo le attività educative per i piccoli profughi siriani presso il nuovo centro di Mafraq, in Giordania. Ogni mattina il pulmino di Vento di Terra arriva nei campi informali per prendere i bambini e portarli al centro. Si studia l’arabo, la matematica,......

“Mi chiamo Sidra e ho 13 anni. Vengo dalla città di Homs e sono arrivata in Giordania con la mia famiglia nel 2013. Io e la mia famiglia volevamo scappare dalla Siria e per questo abbiamo deciso di venire in Giordania. In famiglia siamo sette:......

A partire dal 1 giugno, giorno in cui la sentenza sulla demolizione della Scuola e del Campo beduino di Khan al Ahmar è divenuta esecutiva, i bimbi e le famiglie si trovano in una situazione di terribile stress e tensione. Ogni mattina potrebbe accadere l’irrevocabile.......

Ghoufran è una bambina di 11 anni originaria di Homs, trasferita sei anni fa nel campo profughi del villaggio di Zaatari con i suoi 9 fratelli e i suoi genitori. Arrivata al centro educativo di Mafraq cinque mesi fa, ha dovuto affrontare numerosi problemi sia psicologici......

Chi demolisce una scuola, demolisce il futuro Scuola di Gomme, villaggio beduino di Khan Al Ahmar, Territori Palestinesi. Si è svolta oggi, 17 agosto, la cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico presso la Scuola di Gomme. La cerimonia è stata anticipata di due settimane per affermare......