A poco più di un anno dalla fine dell’operazione “Margine protettivo”, che è costata la vita a oltre 2.200 palestinesi, la Striscia di Gaza è ancora un cumulo di macerie.
I materiali per la ricostruzione, che Israele consente di far entrare attraverso Erez, non sono accessibili alle tasche dei palestinesi.
Oltre 18 mila le abitazioni distrutte, 100 mila gli sfollati.
L’operazione Margine protettivo è stata la terza guerra in sei anni nella Striscia di Gaza. Ha gettato gli 1,8 milioni di abitanti della Striscia, rinchiusi in un territorio di 362 chilometri quadrati, in una crisi economica e in una disperazione senza precedenti.
Questo video, realizzato da Marco Rossi, videomaker volontario di Vento di Terra, mostra la situazione di Gaza nei mesi successivi all’operazione Margine protettivo.