Vento di Terra avvia un progetto in Albania per lo sviluppo del territorio del comune di Divjake

Il mese di luglio 2017 segna l’apertura ufficiale della sede operativa della ONG Vento di Terra in Albania, dove implementerà il progetto promosso AICS “Urban Lab”.  L’ufficio si trova in un piccolo edificio dalla facciata rosso fuoco, al centro di Divijaka, cittadina costiera albanese caratterizzata da una giustapposizione architettonica di case dallo stile del vecchio regime ed edifici moderni dalle facciate sgargianti.

Divijaka è situata sulla costa a circa un’ora di macchina da Tirana, all’interno del parco naturale omonimo e a 5 km da una laguna che si spinge fino alle spiagge affacciate sul Mar Adriatico.

Il progetto “Urban Lab – Laboratorio Urbano per lo sviluppo territoriale del Comune di Divjake” – AID10941, finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, nasce dalla volontà condivisa con tutti i partner di progetto di supportare le autorità locali nello sviluppo delle oggettive potenzialità turistiche di Divjake mediante una crescita sostenibile e parallela della partecipazione locale.

Il principale obbiettivo dell’iniziativa è infatti la costruzione di un edificio che servirà da laboratorio urbano capace di dare voce e opportunità professionali ai giovani del posto. Nel lab saranno messe a disposizione della popolazione postazioni di co-working, corsi di formazione nel settore turistico, attività di sviluppo territoriale e tecniche di architettura bioclimatica. L’edifico verrà infatti progettato attraverso un percorso condiviso con la comunità e costruito seguendo i principi dell’architettura bioclimatica.

Accanto alla Municipalità di Divjake, controparte dell’iniziativa, si segnalano quali partner del progetto il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università di Tirana, che avrà il compito di programmare l’offerta formativa e contribuire alla promozione del Lab; INTBAU Albania, Network indipendente per l’architettura e l’urbanistica tradizionale, che si occuperà della progettazione partecipata dell’edificio; CESES (Centro Europa Scuola Educazione e Società), che dovrà gestire le attività formative insieme con l’Università di Tirana; ICEI (Istituto di Cooperazione Economica Internazionale), che si impegnerà a sviluppare la componente di turismo responsabile; il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani dell’Università di Milano, che parteciperà alla costruzione del Lab; AITR (Associazione Italiana Turismo Sostenibile) di Bologna, che offrirà la propria esperienza nel settore del turismo responsabile per la creazione di percorsi e offerta.

In particolare, il contributo principale del Dastu (Dipartimento di architettura studi urbani) del Politecnico di Milano è costituito da un progetto di riscrittura del paesaggio in grado di anticipare un’immagine efficace di territorio produttivo (per l’agricoltura e il turismo), di convogliarne le molteplici e frammentarie risorse in una visione d’insieme, rispondendo alle legittime aspettative di sviluppo della società locale.

Il progetto si sviluppa attraverso la rilettura dei caratteri complessivi del paesaggio locale ed una loro riformulazione a partire da quattro grandi ambiti tematici: la tutela del paesaggio naturale, il controllo e potenziamento del sistema delle acque, la riqualificazione agricola, e la regolazione dell’urbanizzazione. La sperimentazione didattica svolta attraverso i laboratori di progettazione urbanistica, la continua interazione con l’amministrazione locale ed il confronto sulle singole proposte, ha consentito al DASTU di individuare e meglio specificare i diversi ambiti tematici e di proporre che ad essi siano associati alcuni progetti pilota: Oasi, Laguna, Urban Lab e Nuclei, che prevedono ciascuno la realizzazione di un’architettura o di uno spazio aperto esemplare in grado di costruire un modello per interventi futuri e di rendere esplicite le regole che governano il disegno di insieme.

In occasione del World Tourism Day, lo scorso 27 settembre, Vento di Terra ha partecipato ad una iniziativa organizzata dal progetto NaturAL insieme allo staff del Parco Nazionale di Divjaka Karavasta, per promuovere i valori del Parco nella sua funzione rivolta alla conservazione della biodiversità e allo stesso tempo per sottolineare come i servizi offerti dalla comunità di Divjaka (dalla ristorazione all’alloggiamento) ai visitatori del Parco contribuirebbero allo sviluppo socio-economico della zona.

In questa occasione Vento di Terra ha avuto il piacere di incontrare 50 ragazzi delle scuole medie di Divjaka e con loro condividere gli intenti del progetto Urban Lab avviando così il processo di awareness che costituisce uno dei pilastri del progetto, oltre che il cuore della Giornata Internazionale del Turismo.

Durante l’autunno, esperti tecnici lavorano sinergicamente in Italia ed Albania, per rafforzare l’area di Divjaka sul fronte del turismo sostenibile e della partecipazione alla vita pubblica nel pieno rispetto dell’incontaminata natura che contraddistingue l’area. Entro la fine dell’anno si prevede che l’edificio che ospiterà l’Urban Lab, progettato in maniera partecipata, inizierà ad essere costruito nell’area di Divjaka già identificata.