Con il supporto educativo e psicologico dei nostri operatori, oggi Rami torna a sorridere e parlare con tutti!
#DIFENDIAMOIBAMBINI

Rami è un bambino siriano di tredici anni, nato in una regione della Siria in prossimità del confine giordano. Prima della rivoluzione, suo padre lavorava nel campo edilizio in Giordania e usava spostarsi con costanza tra i due paesi.
Appena scoppiata la guerra la famiglia si spostò in Giordania. Fortunatamente, non incontrarono molte difficoltà nell’attraversare il confine e la convivenza con la comunità locale iniziò pacificamente, dati gli usuali spostamenti del padre. Tuttavia, la famiglia aveva perso la casa e il lavoro e i bambini la loro scuola.

Sin dalla nascita Rami soffre di disabilità motoria e di difficoltà dell’apprendimento. Arrivati in Giordania, la madre l’ha iscritto alla scuola pubblica dove, purtroppo, i compagni lo hanno sottoposto ad abusi sia fisici che verbali legati alla sua disabilità. Gli episodi gli hanno causato una grande tristezza, introversione, incapacità di contatto visivo e grande paura.

Da circa due mesi e mezzo Rami frequenta il centro Al-Sa’iediyyeh di Vento di Terra. In base al suo grado di disabilità è stato inserito in una classe con altri disabili cognitivi: inizialmente non riusciva ad integrarsi e rifiutava la partecipazione ai giochi e alle attività con gli altri studenti; dopo una serie di incontri, il sostegno, gli incoraggiamenti e la partecipazione alle sedute di supporto sia individuali che collettive, la sua situazione è migliorata. Gli è stato donato un quaderno da disegno e una scatola di colori, che lo hanno aiutato ad integrarsi tra gli altri studenti siriani.

Oggi Rami si ferma a parlare con chiunque incontri, esprime quel che sente, scrive poesie e riflessioni, disegna in una maniera bella ed espressiva. Uno dei suoi disegni più belli rappresenta la sua disabilità ed esprime la sua volontà di godere della vita nonostante tutto.

Con il tuo sostegno possiamo aiutare altri bambini come Rami,

#DIFENDIAMOIBAMBINI !

Ecco qualche esempio di cosa puoi fare per sostenere i bambini profughi siriani nei nostri centri educativi:

DONAZIONE CONTINUATIVA: resta costantemente a fianco dei bambini!

Con la domiciliazione bancaria (RID) hai la possibilità di ripartire la cifra che hai intenzione di donare in piccole quote mensili, più facili da sostenere nel bilancio familiare e senza costi aggiuntivi per te: sarai ogni mese accanto ai bambini, in modo costante e continuativo, per non abbandonarli mai!