Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ordinato ieri sera al ministro della difesa Moshe Yaalon di iniziare immediatamente la distruzione di strutture e roulottes distribuite dalla UE a Gerusalemme Est e in Area C

La decisione arriva dopo che l’israeliana “Channel 2” ha rivelato che l’Unione europea aveva distribuito una serie di strutture mobili nella zona E1 di Gerusalemme Est. L’amministrazione civile israeliana ha detto che non avrebbe permesso alcun strutture illegali in questi territori, comprese quelle distribuite da parte dell’UE. Una fonte UE ha detto, in risposta alla decisione di Netanyahu, che: “Le strutture sono state distribuite a causa delle necessità urgenti dei palestinesi di disporne.” La fonte ha aggiunto che l’Unione europea si è opposta a qualsiasi costruzione di insediamenti in Cisgiordania, compresa l’area E1 nella zona est di Gerusalemme.

Rapporto: l’UE costruisce centinaia di strutture illegali per i palestinesi in Area C, Cisgiordania

L’Unione europea sta costruendo centinaia di strutture illegali in Cisgiordania, che il governo non ha rimosso per evitare un groviglio diplomatico con gli europei, secondo un rapporto pubblicato venerdì dalla ONG Regavim. Le strutture sono in costruzione nei pressi di Ma’aleh Adumim e l’area E1. Questo rapporto è solo uno di una serie che il gruppo – una organizzazione di destra che si descrive come una “organizzazione di sostegno e difesa legale  sulle questioni di proprietà della terra” – ha rilasciato in questi ultimi mesi.
Secondo Regavim, il sostegno dell’Unione Europea per i palestinesi negli ultimi anni si è spostato da “assistenza diplomatica e finanziaria passiva ad una situazione di cooperazione attiva in abusivismo edilizio, che l’Autorità Palestinese ha avanzato unilateralmente dal 2000, come parte del suo piano strategico per creare uno Stato palestinese de facto, evitando i negoziati con Israele.” […]

Maj-Gen Yoav Mordechai, il coordinatore delle attività di governo nei territori (COGAT), era in Europa questa settimana, per colloqui con alti funzionari dell’UE. Una fonte diplomatica ha detto che questo problema è stato uno dei temi delle sue conversazioni. Un rappresentante COGAT, ha dichiarato: “L’amministrazione civile agisce contro la costruzione illegale, e nessuna organizzazione è esente da esecuzione. COGAT ha inviato lettere ufficiali ad ambasciate e organizzazioni internazionali per metterli in guardia contro la costruzione illegale in Giudea e Samaria.”
Regavim rivendica che il sostegno dell’UE a queste strutture è parte di un piano palestinese per assumere gradualmente il controllo di gran parte dell’Area C, il 60 per cento della Cisgiordania che, secondo gli accordi di Oslo, è sotto il pieno controllo israeliano.
L’Unione Europea è da anni sempre più focalizzata sullo sviluppo palestinese in quest’area, ritenendolo indispensabile per la creazione di un futuro Stato palestinese. […]

L’idea di fondo dietro gli sforzi palestinesi/UE in Area C, afferma Regavim, è quella di stabilire una presenza palestinese permanente sulle terre statali. “Questo è grande ipocrisia”, ha dichiarato Regavim. “Ogni volta che un edificio viene costruito per gli ebrei, loro sollevano una protesta, lo chiamano illegale e dicono che mette in pericolo la pace. Ma loro stanno costruendo case abusive per gli arabi”. Da 2012-2014, secondo Deutsch, l’Unione europea, a costo di milioni di euro, ha costruito più di 400 strutture.
In risposta, l’Unione Europea ha detto che sta fornendo assistenza umanitaria alle comunità bisognose in Area C, in conformità con gli obblighi umanitari; si è impegnata a sostenere lo sviluppo dell’Area C a beneficio delle comunità palestinesi; e si consulta con le comunità locali stesse e le autorità israeliane se necessario. Secondo una dichiarazione rilasciata da parte dell’Ufficio del Rappresentante dell’UE nella zona est di Gerusalemme, l’UE è “profondamente indignata e si oppone fermamente ai piani israeliani per espandere gli insediamenti in Cisgiordania, compresa Gerusalemme est, e in particolare i piani per lo sviluppo dell’area E1 .” […]

Leggi l’articolo intero su The Jerusalem Post

Taggato con: ,