La Terra dei Bambini prende forma, i lavori procedono velocemente ed entro la fine dell'anno i bambini avranno la loro nuova scuola

Dopo lo stop all’entrata del cemento imposto da Israele all’inizio di aprile, i lavori di ricostruzione de La Terra dei Bambini sono finalmente ripartiti lo scorso 23 luglio. Da allora il centro per l’infanzia cresce a vista d’occhio. Gli operai della ditta di Gaza incaricata dei lavori, grazie alla supervisione tecnica sul campo dell’Ingegnere di Vento di Terra Sobhi Nasser e a quella a distanza del gruppo di progettazione Arcò, hanno la scorsa settimana terminato la costruzione delle volte nubiane, portando così a termine una delle fasi più complesse dei lavori e al contempo maggiormente caratterizzanti il nuovo edificio.
La volta nubiana è una tecnica di costruzione che permette di costruire la volta senza l’utilizzo della centina, facilitando l’intero processo costruttivo e favorendo un risparmio di risorse economiche e di materiale. La tecnica consiste nel costruire gli archi della volta secondo un andamento diagonale che permette alla volta di autosostenersi. La forma più adatta per una volta nubiana è la catenaria che permette ai mattoni di lavorare esclusivamente a compressione, evitando così gli sforzi di trazione a cui i mattoni in terra cruda risultano essere poco resistenti.
Trattandosi di una tecnica nuova per Gaza, grazie al progetto gli operai della ditta costruttrice ne hanno appreso i fondamenti.

Il termine dei lavori è previsto per l’inizio di dicembre, siamo quindi finalmente in dirittura di arrivo! La nuova Terra dei Bambini sarà il regalo di Natale di Vento di Terra per i bambini e tutta la comunità di Um Al Nasser.

Taggato con: , , , ,