Lunghe ore di attesa per il destino degli abitanti di Khan al Ahmar e dei bambini che frequentano la Scuola di Gomme

La demolizione della Scuola di Gomme e dell’intero villaggio potrebbe avvenire già questa settimana. “Queste comunità – ha detto Scott Anderson, direttore operativo ‎dell’agenzia Unrwa – sono per lo più rifugiate, originariamente ‎sfollate dalle loro terre nel Negev. Non dovrebbero essere costrette a ‎vivere una seconda evacuazione contro la loro volontà”. Gli abitanti, durante la conferenza stampa avvenuta nei giorni scorsi, hanno annunciato che non lasceranno la loro terra e continueranno la loro resistenza. Anche Amnesty International si è espressa duramente: “siamo di fronte a ‎un crimine di guerra, la Corte suprema israeliana si è resa complice ‎di un progetto criminoso. Il trasferimento con la forza di una intera ‎comunità è una violazione del diritto internazionale”, ha dichiarato Saleh Higazi.

Nella loro sentenza, i giudici dell’Alta Corte israeliana “hanno descritto un mondo immaginario con un sistema di pianificazione uguale per tutti che prende in considerazione le necessità dei palestinesi, come se non ci fosse mai stata un’occupazione,” ha detto l’ONG israeliana B’Tselem. “La realtà è diametralmente opposta a questa fantasia: i palestinesi non possono costruire legalmente e sono esclusi dai meccanismi decisionali che determinano come saranno le loro vite,” ha aggiunto l’associazione, “I sistemi di pianificazione sono esclusivamente destinati a beneficiare i coloni. Questa sentenza mostra ancora una volta che chi è sotto occupazione non può chiedere giustizia nei tribunali dell’occupante.”

L’intervista di Michele Giorgio a Giulia Schirò, rappresentante in Palestina di Vento di Terra: “È un giorno triste ‎per la comunità di Khan al Ahmar e per la nostra ong. E’ un ‎giorno in cui appaiono evidenti l’ingiustizia e la discriminazione nei ‎confronti del popolo palestinese. Nonostante ciò a Vento di terra non ‎mancano le energie e le motivazioni per proseguire il proprio lavoro ‎e per stare accanto alla comunità di Khan al Ahmar nel percorso ‎difficile che dovrà fare nel prossimo periodo”.

Khan al Ahmar: intervista a Giulia Schirò rappresentante paese di Vento di terra la ong che ha costruito la Scuola di Gomme che sarà demolita da Israele assieme al villaggio

Pubblicato da Nena NewsAgency su Venerdì 7 settembre 2018

L’impegno di Vento di Terra continua in questi giorni a livello diplomatico, mediatico e pratico a supporto della popolazione di Khan al Ahmar, contro la demolizione della scuola di gomme e del villaggio.

#iostoconlascuoladigomme #savemyschool

Foto della manifestazione a Khan al Ahmar contro la decisione della corte suprema:

foto di copertina: CREDITS OREN ROSENFELD