Codice etico e di condotta di Vento di Terra

Premessa

Questo Codice Etico e di Condotta stabilisce l’insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità etiche e sociali di quanti, a vario titolo, partecipano alla vita dell’Associazione, e collaborano alle sue attività: organi statutari, socie e i soci, lavoratori e lavoratrici,  volontari e consulenti. Esso definisce altresì le norme che regolano i rapporti con soggetti terzi: beneficiari, partners, fornitori, enti di finanziamento e donatori, mezzi di comunicazione, enti di revisione, stakeholders. L’applicazione ed il rispetto del Codice da parte di tutte le persone e le entità coinvolte è considerato elemento imprescindibile nella realizzazione di qualsiasi attività, e Vento di Terra Onlus – ONG ne assicura la conoscenza e la diffusione, con l’obiettivo e l’impegno di prevenire atti e comportamenti non conformi, e di identificare e sanzionare ogni tipo di violazione, sia da parte di coloro che collaborano direttamente che indirettamente con l’organizzazione.

Il Codice Etico e di Condotta fa riferimento ai principi elencati ed affermati  nelle  seguenti  convenzioni  e codici internazionali  ai  quali  Vento di Terra  aderisce:  Dichiarazione  Universale  dei  Diritti  Umani  delle  Nazioni  Unite; Convenzione ONU per i Diritti dell’Infanzia; Convenzione ONU per i Diritti delle Donne; Convenzioni fondamentali dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL).

1. Principi e valori

L’Associazione è costituita per il perseguimento senza scopo di lucro di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale mediante lo svolgimento, in via esclusiva o principale di attività di interesse generale.

1.1. Visione, missione e valori

Vento di Terra è un’organizzazione laica che opera in modo democratico e senza distinzioni di ordine politico, religioso, etnico, nel rispetto delle pari opportunità, delle differenze di genere e dei diritti umani.

Per Vento di Terra ogni luogo, per quanto martoriato dalla storia, possiede una propria ricchezza. Vogliamo essere catalizzatore di quelle “energie” che faticano ad emergere. Mettiamo in relazione le comunità locali. Con loro apriamo nuove prospettive, pensiamo e realizziamo uno scenario futuro che chiamiamo “progetto”.

Vento di Terra difende senza condizioni i diritti dei più deboli e l’equilibrio del nostro pianeta.

Lavoriamo in territori di frontiera e intendiamo la cooperazione allo sviluppo come una relazione complessa tra pari. Proponiamo un’idea di sviluppo di comunità legata al concetto di crescita sociale, economica e culturale. La frontiera, solitamente associata alla discontinuità, è per noi luogo di osmosi, scambio e crescita. Luogo dove la ‘differenza’ diventa valore. Il “limes” (limite) è in realtà dentro di noi; superarlo presuppone disponibilità, passione e ricerca. Superarlo significa costruire ponti, insieme.

Operiamo unendo le energie “al di qua e al di là del mare” per diffondere una cultura di pace, lo facciamo costruendo scuole, incoraggiando l’imprenditoria sociale e promuovendo servizi per donne e minori.

Nel nostro operato ci guidano valori come: pace e non violenza, crediamo profondamente nella pace e nei principi del metodo non violento e ci impegniamo per diffondere una cultura di pace; pluralismo, siamo aperti al dialogo senza pregiudizi di natura politica ideologica o religiosa; dignità, siamo impegnati ad affermare in ogni circostanza la dignità delle persone e lottare contro ogni pregiudizio; solidarietà e collaborazione, crediamo nel reciproco supporto; incontro e scambio, costruiamo ponti e punti di incontro tra persone, culture, gruppi, paesi e crediamo siano una opportunità di reciproca crescita; trasparenza, tutto ciò che realizziamo e comunichiamo avviene con assoluta trasparenza nell’uso dei fondi e delle informazioni raccolte; sostenibilità, lavoriamo perché ogni intervento sia svolto in ottica di sostenibilità ambientale, sociale, economica e istituzionale.

2. Norme di comportamento etico

2.1 Legalità

Chiunque partecipi alla vita associativa, svolga attività professionale o di volontariato per conto di VDT deve attenersi al principio di legalità, e rispettare le leggi e gli ordinamenti vigenti nell’Unione Europea, in Italia, in tutti i paesi nei quali opera l’Associazione. Lo stesso principio vale anche per tutte le organizzazioni, imprese, istituzioni terze con le quali VDT stabilisce relazioni di vario tipo nella realizzazione delle sue attività e nel perseguimento dei suoi obiettivi.

2.2 Onestà, lealtà, correttezza

Onestà, lealtà e correttezza sono principi fondanti della vita interna e delle relazioni esterne dell’Associazione, ai quali deve essere improntato il comportamento di tutte le persone che a qualsiasi titolo svolgano attività con o per conto di essa, in Italia e nel resto del mondo.

2.3 Relazioni di lavoro

Vento di Terra considera le sue collaboratrici e i suoi collaboratori un valore fondamentale per l’Associazione e si adopera a sviluppane capacità e competenze, a premiarne impegno e motivazioni, affinché ciascuno e ciascuna possa esprimere al meglio le proprie potenzialità.

Ne riconosce i diritti, e si fa garante del loro pieno rispetto nell’ambito della legislazione vigente.

Chiede loro di condividere la responsabilità di un modello di relazioni lavorative coerente con i principi e i valori di equità e solidarietà.

Tutte le collaboratrici e tutti i collaboratori sono responsabili eticamente dei loro comportamenti e consapevoli di rappresentare Vento di Terra con le proprie azioni.

2.4 Imparzialità e conflitti di interesse

Ogni decisione attinente alle operazioni e alle attività VDT deve essere adottata per il bene dell’Associazione e per il perseguimento della sua missione e dei suoi obiettivi strategici, e fondata su valutazioni oggettive e comprovabili, senza essere influenzata dall’aspettativa di benefici personali, diretti o indiretti. Per garantire la piena applicazione di questo principio, ogni componente dell’organizzazione si impegna ad evitare situazioni che possano configurare conflitti di interessi tali da pregiudicarne la capacità di decidere, in modo imparziale ed in piena autonomia di giudizio, a esclusivo beneficio dell’Associazione.

Resta dovere imprescindibile di tutte le persone che partecipano e collaborano a diverso titolo alla vita e alle attività dell’Associazione segnalare agli Organi di Direzione e alla Presidenza situazioni di conflitto potenziale o in essere, per le opportune valutazioni e decisioni in merito.

2.5 Tutela della salute e della sicurezza

In materia di rischio di reati, salvaguardia della salute e sicurezza delle persone, tutela dell’incolumità pubblica, Vento di Terra si impegna a garantire che l’incarico ricoperto da qualsiasi operatore o operatrice, volontario o volontaria, venga svolto in conformità sia agli accordi e agli standard internazionali che alle leggi e agli ordinamenti dei Paesi in cui opera.

In questo quadro, è responsabilità del singolo operatore o della singola operatrice l’attuazione dei corretti comportamenti e l’assunzione delle necessarie azioni e profilassi che assicurino la propria e l’altrui salute e sicurezza, attenendosi scrupolosamente alle indicazioni di sicurezza fornite da VDT sia livello centrale che nei singoli paesi.

2.6 Utilizzo di beni e strumenti

Gli operatori ed operatrici devono garantire protezione e conservazione dei beni materiali ed immateriali messi loro a disposizione da Vento di Terra, in quanto parte del patrimonio dell’Organizzazione.  L’utilizzo di questi beni da parte degli operatori è regolamentato in maniera esclusiva ai fini dello svolgimento delle attività dell’Organizzazione e alle finalità autorizzate nei singoli incarichi.

2.7 Uso e protezione dei dati

Vento di Terra assicura che i dati personali e le informazioni in proprio possesso siano riservati e non accessibili all’esterno, nel rispetto e conformità delle norme giuridiche in materia di privacy.

Pertanto gli operatori e le operatrici non possono divulgare a terzi informazioni riguardanti il patrimonio di conoscenze tecniche, organizzative e finanziarie dell’Organizzazione, così come tutte le altre informazioni non pubbliche, salvo nei casi in cui tale rivelazione sia richiesta da leggi o da altre disposizioni interne.

2.8 Tutela del patrimonio intellettuale

Vento di Terra promuove ricerca, progettazione e creatività mediante tutti gli operatori e tutte le operatrici nell’ambito della propria specifica funzione. Tale attività è valore e patrimonio fondamentale della organizzazione e tutti devono concorrere al suo sviluppo, nonché alla sua tutela per garantirne la proprietà, la protezione, promozione, diffusione e valorizzazione.

2.9 Pluralismo politico

Vento di Terra non interferisce nelle scelte politiche dei suoi soci e socie, operatori e operatrici: valgono i principi del rispetto della libertà individuale e dell’apertura al confronto con le diverse culture di cui le scelte dei singoli sono espressione. Al tempo stesso, VDT esige comportamenti che non mettano a rischio il pluralismo dell’Associazione, evitando in modo scrupoloso ogni atto o situazione che possa comprometterne la natura e l’immagine di organismo a-partitico

2.10 Tutela ambientale

Vento di Terra si impegna ad agire nel pieno rispetto ambientale e avrà cura che nelle sue sedi, nelle sue procedure, nelle sue attività, tra i propri aderenti, il proprio personale ed i propri collaboratori, siano diffuse pratiche e comportamenti tesi alla sostenibilità ambientale ed alla riduzione delle emissioni di CO2. Alle organizzazioni, istituzioni, imprese con le quali stabilisce relazioni nello svolgimento delle sue attività chiede il rispetto rigoroso degli standard previsti dalle convenzioni e dai trattati internazionali in materia di tutela ambientale.

2.11 Tutela dei minori

Vento di Terra fa propri i principi contenuti nella Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (Convention on the Rights of the Child – CRC) adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989. L’Associazione, in attuazione dei principi di cui sopra, mira a migliorare il modo in cui il mondo si rivolge ai bambini ottenendo cambiamenti immediati e duraturi nelle loro vite affinché ad ogni bambino siano garantiti pieni diritti e dignità, con particolare attenzione al diritto all’istruzione, al diritto alla protezione, al diritto al gioco, al diritto di vivere pienamente la propria infanzia e gioventù.

2.12 Pari opportunità e non-discriminazione

Vento di Terra si impegna a contrastare ogni pratica e forma di discriminazione sia interna che esterna e ad agire pratiche non discriminatorie verso tutti i soggetti che a vario titolo partecipano alla vita associativa, alla vita lavorativa ed alle alle attività realizzate in ogni ambito territoriale. Vento di Terra garantisce il rispetto dei principi di imparzialità e non discriminazione nei confronti di tutte le persone coinvolte a vario titolo nell’organizzazione, gestione e realizzazione della sua attività.   A tal fine gli organi di direzione, tutti i soci e le socie, tutto il personale si impegnano a garantire uniformità di trattamento e pari opportunità, prescindendo da differenze di genere, età, gruppo etnico, nazionalità, religione, orientamento sessuale, disabilità ad agire secondo obiettività senza favoritismi di qualsiasi tipo.

2.13 Rispetto dell’integrità personale.

Vento di Terra esige il rispetto della persona, della sua dignità e della sua integrità fisica e psichica, in tutte le relazioni che coinvolgono i suoi organi dirigenti, la sua base associativa, il suo personale. In Italia e nei paesi in cui l’Associazione opera, nessuna persona deve essere posta in stato di soggezione mediante violenza, fisica o morale, minaccia, inganno, abuso di autorità e di potere, abuso di una situazione di inferiorità economica, fisica o psichica, o di una situazione di necessità. Comportamenti di questo tipo saranno perseguiti con determinazione e rigore in ogni situazione e contesto, con una particolare attenzione a quelli attinenti alla sfera sessuale, dove non sarà tollerata alcuna forma di molestia o di comportamento estraneo ai criteri di correttezza e rispetto coerenti con i valori della Associazione e in linea con i principi stabiliti da IASC (Six Core Principles Relating to Sexual Exploitation and Abuse – 2019)

VDT è altresì impegnato a prevenire e sanzionare qualsiasi comportamento che possa configurarsi quale violenza morale e/o persecuzione psicologica mirante ad arrecare offesa alla personalità e alla dignità del personale dipendente.

2.14 Uso di sostanze alcoliche e stupefacenti

È fatto assoluto divieto per operatori e operatrici di Vento di Terra di lavorare sotto l’influenza di droghe, alcool, sostanze psicotrope e più in generale tutte le sostanze considerate illegali nel Paese in cui si opera.  Nessuna di tali sostanze è permessa negli uffici e nelle strutture della organizzazione. I comportamenti contrari verranno segnalati agli organi di direzione e prese le necessarie misure.

3. Rapporti con terzi

3.1 Rapporti con i beneficiari

Vento di Terra si impegna a condividere la propria visione e missione, ed i valori e principi etici che ispirano questo Codice, con tutti i soggetti economici, sociali ed istituzionali  che  sono  interessati  a  qualsiasi titolo delle iniziative promosse dall’Associazione.

Si impegna altresì a coinvolgere tutti i soggetti a diverso titolo coinvolti nelle proprie attività progettuali in tutti i momenti del ciclo del progetto: sia nella fase di definizione delle azioni che li vedono interessati come in quella di monitoraggio e valutazione, garantendo un’informazione tempestiva e trasparente sulle attività e sui risultati.

3.2 Rapporti con i Partner

Nell’ambito delle proprie attività, e nel perseguimento dei suoi obiettivi strategici, Vento di Terra stabilisce rapporti di collaborazione ed alleanze con partner internazionali, nazionali e locali, pubblici o privati, che implicano tanto aspetti politici che finanziari.

La scelta dei partner è basata sui seguenti criteri:

  • condivisione e accettazione dei principi, delle norme e della missione di VDT, contenuti in questo codice etico e di condotta;
  • indipendenza da partiti politici o governi. I partner locali pubblici devono garantire libertà e autonomia di decisione rispetto agli obiettivi e alle finalità dell’intervento specifico e dell’azione di VDT, nel quadro e nei limiti degli accordi stabiliti in fase di progettazione e di avvio delle attività.

Allo stesso modo, VDT rifiuta collaborazioni con partner coinvolti in scandali o pratiche di corruzione pubblicamente conosciute.

3.3 Rapporti con i finanziatori e con i donatori

Per la realizzazione dei propri progetti e della propria attività istituzionale, Vento di Terra stabilisce relazioni e impegni con diversi finanziatori o donatori pubblici o privati, che devono essere basati su correttezza e trasparenza.

Alle aziende private che intendono finanziare progetti o azioni promosse dall’Associazione si richiede il rispetto dei diritti umani, dei diritti dei lavoratori e della tutela dell’ambiente, preferibilmente attestati da pratiche o codici di responsabilità sociale o da certificazioni internazionalmente riconosciute. Particolare attenzione sarà posta ai principi della tutela dei minori, delle pari opportunità e trattamento, del rispetto della integrità personale contenuti nel Codice Etico e di Condotta VDT.

L’Associazione rifiuta donazioni sia di materiali che di denaro provenienti da aziende che producono o commerciano armamenti, materiali pornografici e quant’altro considerato offensivo verso la persona umana e l’ambiente. Allo stesso modo, rifiuta donazioni da enti coinvolti in scandali o pratiche di corruzione pubblicamente conosciute.

3.4 Rapporti con i fornitori

Nell’acquisto di beni, materiali, attrezzature o prestazioni di servizi per le sue diverse attività e progetti, Vento di Terra prediligerà, nel rispetto della buona qualità, gli operatori dei Paesi in cui opera. La scelta dei fornitori e l’acquisto di beni, lavori e servizi sono effettuati in base alle procedure interne o nel rispetto degli impegni contrattuali stabiliti dai finanziatori, ove contenute regole più restrittive.

Nella scelta dei fornitori, in rispetto al presente Codice, verranno stipulati contratti con fornitori e terzi che dimostrino rispetto dei diritti umani, diritti del lavoro, e tutela dell’ambiente, con particolare attenzione ai principi della tutela dei minori, delle pari opportunità e trattamento, del rispetto dell’integrità personale contenuti nel Codice. La procedura di acquisto di beni e servizi contiene le modalità con le quali si richiede ai fornitori il rispetto degli standard etici.

3.5 Rapporti con mezzi di comunicazione

Le comunicazioni dell’organizzazione verso l’esterno, devono essere veritiere, complete, accurate e riscontrabili. I rapporti con i mass media spettano alle figure designate dagli organi di direzione, che dovranno attenersi alle disposizioni stabilite dall’organizzazione nelle sue procedure. Ove sia richiesto di fornire all’esterno informazioni riguardanti obiettivi, risultati e punti di vista di VDT, operatrici e operatori sono tenuti a ottenere autorizzazione dal proprio responsabile, nonché a concordare i contenuti con la struttura competente.

Anche la partecipazione, in nome di Vento di Terra o in rappresentanza dello stesso, a comitati, reti, campagne, associazioni terze di qualsiasi tipo deve essere regolarmente autorizzata per iscritto dall’organo di direzione competente.

3.6 Rapporti con i soggetti preposti all’attività di controllo e revisione

I rapporti con i soggetti che svolgono attività di revisione devono essere improntati a principi di integrità, tempestività correttezza e trasparenza. Agli stessi deve essere prestata da parte di tutti gli operatori e tutte le operatrici la massima collaborazione. È quindi vietato occultare informazioni o fornire documentazione falsa o attestante cose non vere o comunque impedire, ostacolare lo svolgimento delle attività di controllo o di revisione di tali soggetti.

4. Gestione del codice

4.1 Diffusione del codice

Il presente Codice Etico e di Condotta è pubblicato nel sito internet, www.ventoditerra.org, ed è portato direttamente a conoscenza:

  • di tutte le persone che sono associate e/o hanno con Vento di Terra un rapporto di collaborazione, in Italia e in tutti i paesi in cui l’Associazione opera ed è presente;
    • delle persone, delle organizzazioni, delle imprese e delle istituzioni terze con le quali Vento di Terra stabilisce una relazione, a diverso titolo e con diverse finalità.

Una dichiarazione attestante la conoscenza e l’accettazione del Codice Etico e delle sue norme deve essere sottoscritta da ogni persona all’atto di richiedere l’associazione a Vento di Terra, o  di  firmare  un  contratto di collaborazione e/o di lavoro.

Il Codice Etico e di Condotta è accessibile, e a disposizione di tutte le persone che ne facciano richiesta, in tutte le sedi Vento di Terra, in Italia e nei paesi in cui opera, con l’indicazione delle persone e degli organi di direzione, governo e vigilanza a cui rivolgersi per segnalare casi di infrazione e di violazione.

Il Consiglio Direttivo e il Presidente di Vento di Terra si fanno garanti e responsabili della sua diffusione e conoscenza. del Codice Etico e di Condotta.

4.2 Controllo ed applicazione del codice

Tutte le persone associate e/o che hanno con Vento di Terra un rapporto di collaborazione, in Italia e all’estero, hanno l’obbligo e il dovere di segnalare ai propri diretti superiori e rappresentanti ogni caso di sospetta infrazione e violazione del Codice da parte di soci e socie, collaboratori e collaboratrici, beneficiari, partners, fornitori e donatori. Qualora sussistano motivi che possano inficiare l’imparzialità di giudizio dei diretti superiori e rappresentanti, e nei casi di risposta ritardata o mancata, o considerata insoddisfacente, esse potranno rivolgersi alla Presidenza o al Consiglio Direttivo.

Un analogo invito a segnalare a Vento di Terra ed ai suoi organi di vigilanza (come indicato all’articolo 4.1 di cui sopra) sospette infrazioni e violazioni del Codice da parte di soci e socie, collaboratori e collaboratrici, si estende a tutti i soggetti con cui Vento di Terra si relaziona Le vittime di abusi, violenze, e discriminazioni (di cui agli articoli 2.12, 2.13, 2.14) saranno protette e facilitate da VdT tanto nella segnalazione agli organi di direzione e di governo dell’Associazione, quanto nella denuncia all’Autorità giudiziaria.

A seguito della segnalazione ricevuta, un’istruttoria sarà condotta dagli organi di Direzione e Vigilanza che,, in caso di accertamento della mancata osservanza e della violazione dei principi e delle norme stabilite dal Codice Etico e di Condotta, definiranno le decisioni da assumere, sia in termini di misure correttive che di sanzioni, tenendo conto della gravità degli addebiti. Le misure assunte riguarderanno anche iniziative a favore   delle eventuali vittime delle infrazioni commesse, quali risarcimenti per danni e copertura delle spese legali. Un rapporto specifico in merito sarà redatto dagli organi di governo e di direzione e di vigilanza. ,. Il rapporto sarà trasmesso a tutti gli interessati, e a disposizione di chiunque ne faccia richiesta, all’interno o all’esterno dell’Associazione, nel rispetto della tutela della privacy delle persone coinvolte, secondi i criteri e le disposizioni di questo Codice e delle vigenti leggi.

Dovranno essere anche segnalati, ed eventualmente sanzionati, seguendo le stesse procedure, ritardi, leggerezze ed atteggiamenti ostruzionistici da parte delle persone e degli organi incaricati di trasmettere la segnalazione di casi sospetti agli organi di Controllo e Vigilanza, e di applicarne in modo puntuale e tempestivo le decisioni.